public/

Notarnicola (PD): a Noci un ospedale di comunità con medici di base

Nel consiglio comunale di lunedì scorso sono intervenuto per chiedere al Sindaco Nisi di battersi con forza sui tavoli tecnici della Regione per chiedere a gran voce la creazione di un Pronto Soccorso di qualità nell’Ospedale Santa Maria degli Angeli di Putignano” - a dirlo in una nota è il capogruppo PD, Fabrizio Notarnicola.

“Ormai, anche se i il piano di riordino è legge bisogna evitare la chiusura dell’Ostetricia, al tempo stesso, però, occorre chiedere alla Regione di tener fede all’impegno di potenziare i servizi di emodinamica per la cardiologia a Putignano, l’attivazione dei nuovi reparti come quello della psichiatria e potenziare maggiormente quello dell’ortopedia. E’ il piano stesso che lo prevede ed occorre monitorare che le previsioni del piano siano realizzate al meglio. Inoltre dal momento che nell’ultimo incontro in Regione, a cui ho preso parte, ci è stato annunciato il proposito di attivare sul territorio regionale una rete di eliporti per il soccorso di emergenza, ho chiesto apertamente in consiglio comunale di candidare Noci quale sede di un eliporto per trasportare i malati più gravi presso gli ospedali di primo livello regionali – ribadisce il consigliere aggiungendo – Sarebbe una opportunità da cogliere per dare maggiore sicurezza ai nostri cittadini in caso di emergenza”.

“Come ribadito in consiglio  – conclude Notarnicola – l’amministrazione nocese ha avuto un confronto aperto e propositivo sulle misure del piano di riordino, senza partigianerie e faziosità. Abbiamo compreso in più occasioni che siamo in un  periodo di razionalizzazione forzata dei servizi sanitari nella nostra Regione dettata dalla necessità di contenere la spesa e di adeguare le strutture esistenti alle normative in vigore. E’ finito il tempo di un ospedale in ogni città, ora si punta ad avere ospedali di qualità a livello regionale in tutte le provincie, una rete di ospedali di base, un pronto soccorso di qualità ed una rete di servizi ambulatoriali. Abbiamo inoltre compreso dalla parole del sindaco che persino i Punti di Primo Intervento, compreso quello di Noci, presto chiuderanno per rafforzare con quel personale la rete dell’emergenza. E’ quindi l’ora di tornare a pensare di garantire servizi sanitari in maniera coordinata rispolverando un’idea già seguita in altre realtà: l’ospedale di comunità, un luogo in cui i medici di base trovano collocazione e garantiscono un presidio quotidiano alle piccole, grandi esigenze di sicurezza sanitaria dei nostri cittadini. Sarebbe davvero utile, ma dovrebbero essere i medici di base nocesi a volerlo e ad avviare progetti sinergici. Mi auguro che prima o poi possano capire l’importanza di una tale scelta”.

 

Info notizia

14 luglio 2017

Altre di politica

17 novembre 2017

D’Onghia: Valorizzare le eccellenze paesaggistiche per rilanciare il territorio

15 novembre 2017

D’Onghia su GaE: Importante prepararsi all'insegnamento

15 novembre 2017

Delegati nocesi al Congresso nazionale FdI

Commenta questa notizia



Weekly News

QUID Srls Editore

p.iva 07543340728
via Cesare Battisti, 43 - 70015 Noci (BA)
Registrato presso il tribunale di Bari al n. 356 del 10/12/1968
Direttore responsabile: Nicola Simonetti

NOCI gazzettino

Redazione
Largo Garibaldi, 1 - 70015 Noci (BA)
tel. +39 080 4979274 | info@nocigazzettino.it
Contatti | Archivio