public/

La nostra terra non dà più i suoi frutti

Xylella, gelate, piogge, importazione senza valido controllo di prodotti esteri a prezzi scandalosi (frutto di lavoro poco retribuito e/o di qualità inferiore e di frode), frequenti atti criminosi, intimidatori, vandalismi, estorsioni, furti e, con loro, il grido di dolore degli agricoltori pugliesi. La generosa nostra terra, da qualche anno, non dà più i suoi frutti, non premia più il pur duro lavoro e gli impegni economici di chi la lavora ed impegna ogni speranza sulla sua munificenza.

Concorrenza sleale se è vero che, per esempio, il prezzo del nostro olio EVO (extra vergine di oliva) non potrebbe costare meno di 9-10 euro al litro (e, per giunta, la sua produzione è scesa, da noi, del 65%) mentre quello proveniente da oliveti intensivi stranieri può essere pagato 2 euro. Terra amara, vita dura e crisi in scivolata. L’allarme si è concretizzato, in una mobilitazione di “gilet arancione” che richiede risposte ed atti concreti e non più fantomatiche promesse. A Bari, hanno sfilato e sostato davanti alla Prefettura oltre 5.000 agricoltori e più di 150 trattori.

Nel Governo regionale la manifestazione ha generato contraddizioni e prese d’atto diversificate. I partiti – di governo ed opposizione – si sono trastullati in comunicati e prese di posizione che non hanno approdato a nulla di concreto. Si vagola nel buio mentre Xylella e suoi malcompagni avanzano. Decreto Centinaio, se ci sei batti un colpo.

Info notizia

10 gennaio 2019

Altre di redazionali

07 gennaio 2019

Archiviata la pratica prima neve 2019

30 dicembre 2018

Buon 2019 dal NOCI gazzettino!

23 dicembre 2018

Buone Feste dal NOCI gazzettino

Commenta questa notizia



Weekly News

Qidea srl Editore

p.iva 07543340728
via Cesare Battisti, 43 - 70015 Noci (BA)
Registrato presso il tribunale di Bari al n. 356 del 10/12/1968
Direttore responsabile: Nicola Simonetti

NOCI gazzettino

Redazione
Largo Garibaldi, 1 - 70015 Noci (BA)
tel. +39 080 4979274 | info@nocigazzettino.it
Contatti | Archivio