public/

Misure anti Xylella fastidiosa

Anche a Noci il sindaco Domenico Nisi ha siglato un’Ordinanza ad hoc (la n. 30 del 18/04/2019) in materia di misure anti Xylella fastidiosa. Il batterio patogeno, diffusosi su tutto il territorio della Regione Puglia sin dal 2013, che provoca la morte della pianta in ben 34 specie ospiti tra cui ulivi, ciliegi, mandorli e diverse essenze della macchia mediterranea. Tre gli insetti vettori individuati nella nostra Regione – Neophilaenus campestris, Philaenus italosignus e Phileanus spumaris - di cui quest’ultima (meglio nota come “sputacchina”) è risultata la più efficace. Questi insetti si alimentano succhiando la linfa dalla pianta infetta e, in questo modo, trasmettono il batterio alle altre piante, attraverso le punture di alimentazione. Una volta acquisito il batterio, l’insetto resta infetto per l’intero suo ciclo di vita, della durata di un anno circa.

Gran parte del territorio di Noci, lo ricordiamo, è inserito nella cosiddetta “zona cuscinetto”, zona indenne in cui deve essere effettuato il monitoraggio e, in caso di ritrovamento di un focolaio, devono essere applicate le misure di eradicazione che consistono nell’eliminazione della pianta infetta e di tutte le piante delle specie ospiti, indipendentemente dallo stato di salute, nel raggio di 100 metri nonché di tutte le piante che manifestano i sintomi della malattia. Obbligatoria è però la lotta agli insetti vettori, nei tempi e nei modi stabiliti dalla Regione Puglia, in esecuzione delle disposizioni Ministeriali ed Europee.

La lotta al vettore con mezzi meccanici è obbligatoria nel periodo che va dall’1 marzo al 30 aprile di ogni anno, nelle zone delimitate mentre è raccomandata nella zona indenne. Con la conclusione delle operazioni previste entro il mese di aprile, a maggio è obbligatorio, nella zona cuscinetto e nella zona contenimento, effettuare un primo trattamento, con insetticidi autorizzati su olivo per il controllo di Philaenus spumarius, a seguito della evidenziata presenza delle forme adulte del vettore, secondo quanto comunicato dal Servizio Fitosanitario. Ciò al fine di ridurre quanto più possibile la popolazione degli adulti ancor prima che acquisiscano il batterio. Il trattamento è raccomandato nella zona indenne e nella zona infetta ad esclusione della zona di contenimento. A giugno poi, mese nel quale si registra un incremento della popolazione del vettore, a causa della scolarità nella comparsa delle forme adulte, sarà obbligatorio nella zona cuscinetto e nella zona contenimento effettuare il secondo trattamento, con insetticidi autorizzati su olivo per il controllo di Philaenus spumarius. Ciò al fine di abbattere la popolazione degli adulti non interessata dal trattamento precedente. Il secondo trattamento è raccomandato nella zona indenne e nella zona infetta, ad esclusione della zona di contenimento. A settembre-ottobre, invece, i proprietari e conduttori e/o gestori a qualsiasi titolo di fondi rustici, terreni e aree di qualsiasi natura e loro pertinenze, sia pubblici che privati, devono attuare le misure, le azioni e le precauzioni previste dalle norme per il contrasto della Xylella fastidiosa, come indicato: Potatura ordinaria da eseguirsi entro il periodo primaverile, e comunque prima di effettuare i trattamenti fitosanitari sotto indicati, la potatura deve essere attuata in modo da facilitare la penetrazione degli insetticidi nella chioma; spollonatura della base della pianta, deve essere eseguita tutti gli anni nei mesi di agosto, settembre e ottobre.

La violazione all’ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 500,00 euro ad un massimo di 3.000,00 euro ai sensi dell’art. 54 comma 23 del D.Lgs. 214/2005. Le Forze dell’Ordine, il Comando Carabinieri Forestali, il Comando di Polizia Provinciale, il Comando di Polizia Locale del Comune di Noci sono incaricati di vigilare sull’osservanza della presente Ordinanza. Il Sindaco, si legge in una nota diffusa da Palazzo di Città, invita tutti i cittadini a: Assicurarsi di non avere sugli abiti e sulle scarpe insetti vettori prima di risalire sul mezzo di trasporto; eseguire la disinfestazione e pulizia dei mezzi di trasporto di persone, cose ed animali; bloccare l’accesso ai fondi onde evitare che entrino e circolino mezzi e persone; bloccare l’accesso ai fondi per evitare il pascolamento. Infine particolare attenzione va fatta sui mezzi dei contoterzisti agricoli che si spostano da un fondo all’altro ma soprattutto da una zona delimitata all’altra ed attenzione va rivolta ai mezzi turistici e agli stessi che si soffermano in aree con presenza di piante ospiti soprattutto olivo. I cittadini, in caso di individuazione di piante contagiate dal batterio xylella fastidiosa devono contattare con sollecitudine l’Osservatorio Fitosanitario regionale e/o il Comando della Polizia Locale. L’Ordinanza è pubblicata all’Albo pretorio del Comune di Noci.

Info notizia

Altre di comunità

18 luglio 2019

Nuove indicazioni nella differenziata e ancora rifiuti nelle campagne

18 luglio 2019

Nel weekend, Birra G'nostra

17 luglio 2019

Madonna del Carmine, Mons. D'Ercole: "Siate nella gioia"

Commenta questa notizia