public/

Xylella, un dramma attraverso l'arte

Il tema della Xylella, così complesso e così apparentemente lontano da una soluzione concreta, è il tema di “Xylella – un dramma attraverso l’arte”, la nuova personale di Angela Scialpi in mostra sino a fine mese presso la galleria d’arte FA.RO.

Cinque opere, di cui due istallazioni, con cui l’artista nocese ha voluto raccontare la sofferenza ma anche l’incredibile bellezza del simbolo identificativo della terra pugliese, l’ulivo. Attraverso la tecnica del mosaico, tratto distintivo e specialistico, Scialpi racconta della vita dell’albero d’ulivo e del batterio, che lo attacca rovinando la sua chioma. Le foglie che dal verde lucente passano a poco a poco al marrone e al nero quasi a disegnare quell’iperbole discendente che porta alla morte della pianta.

Il progetto sull’ulivo, derivante dall’amore per gli alberi pugliesi, è partito ancor prima che arrivasse la pandemia batterica. Quello che doveva essere un tributo ad «un’opera artistica naturale», come lo definisce l’artista, si è trasformato in un progetto di denuncia. L’arte a servizio del territorio per non distogliere l’attenzione verso un tema che sta mettendo in ginocchio un intero comparto agricolo, quello oliario, e deturpando il bellissimo paesaggio pugliese.

Raccontare attraverso l’arte il dramma degli ulivi secolari è il messaggio che Angela Scialpi vuole lanciare al fine di salvaguardare un patrimonio artistico naturale unico nel suo genere. La mostra è visitabile tutti i giorni presso la galleria d’arte presente in Piazza Plebiscito.    

Info notizia

Altre di cultura

18 novembre 2019

Marcello Nitti riprende il suo viaggio visionario a Stoccolma

13 novembre 2019

Il soffio di Bacco sul cielo di piazza Moro

12 novembre 2019

Bacco nelle gnostre, ancora un grande successo

Commenta questa notizia