public/

Bacco: Le istanze dei diversabili per i parcheggi

"Carissimi organizzatori di Bacco vi chiedo di lasciare me, e chi vive nelle mie stesse condizioni, liberi di vivere la propria abitazione agevolmente". È l’appello di P.M., disabile residente nel centro storico che dopo la pubblicazione dell’ordinanza sindacale sulle disposizioni in merito alla sosta e transito di alcune vie del centro cittadino in occasione della sagra novembrina si è rivolto alla nostra redazione per comunicare il proprio stato di bisogno.

"Già altre volte – racconta l’uomo - ho permesso di liberare lo stallo per disabili regolarmente assegnatomi dal Comune di Noci per svariate manifestazioni, ivi comprese le processioni religiose, ma impedirmi di poter usufruire del mio mezzo per circa cinque giorni per poterci installare uno stand gastronomico, mi sembra un tantino esagerato. Io sono dalla vostra parte per l’organizzazione, ma provate a mettervi voi nei miei panni. Sono residente nel centro storico e ho bisogno di muovermi col mezzo perché ho difficoltà deambulatorie. Posso concedere che lo spazio lo debba lasciare libero per i due giorni della manifestazione, ma tenermi lontano da giovedì a lunedì mi sembra troppo".

Il nocese sembrerebbe non essere l’unico a lamentare questo disagio. Anche altri residenti, non solo nel centro storico ma anche lungo l’estramurale cittadino, lamentano l’occupazione dei propri stalli per impiantarci (momentaneamente) i gazebo in legno. La speranza è che gli organizzatori e il Comune si prodighino in qualche modo per alleggerire il disagio procurato dalla mancata alternativa fornita a chi vive la disabilità e abita nel borgo antico.     

Info notizia

Altre di comunità

14 novembre 2019

I sommelier nocesi dell'AIS Puglia a Monaco di Baviera

14 novembre 2019

Anche "La Murgia" alla prima Giornata Nazionale del Folklore

14 novembre 2019

L'UTEN e il nuovo anno accademico

Commenta questa notizia