public/

Consiglio: Rinnovata la convenzione con Murgia Sviluppo

In pieno periodo natalizio il Consiglio comunale è tornato a riunirsi ieri, venerdì 27 dicembre, dando vita all’ultima seduta del 2019. Solo tre i punti previsti dall’Ordine del Giorno, ma gli spunti di riflessione non sono mancati. Assenti giustificati i consiglieri comunali Curci e Gentile.

Ad aprire la seduta, nella quale non si sono registrate le annunciate dimissioni di Liuzzi, le segnalazioni di Morea circa lo stato delle strade provinciali che collegano Noci ai paesi limitrofi e la sicurezza urbana, alla luce di un palo della luce pericolosamente inclinato presente su via Mottola e della necessità di prevedere la bocciardatura del basolato del centro storico al fine di prevenire, visto il maltempo in arrivo, cadute e infortuni. Successivamente l’attenzione dell’assise è stata catalizzata dalle società partecipate di cui il Comune di Noci detiene alcune quote: GAL Terra dei Trulli e di Barsento (circa il 2%), Società consortile AITA (circa il 28%), Murgia e Sviluppo Scarl (circa il 4%), Società Consortile Patto Territoriale POLIS (circa il 6%).

Nello specifico si è discusso di AITA, società in liquidazione e su cui l’Ente comunale è in procinto di far valere il proprio diritto di recesso e dello Sportello Unico Murgia Sviluppo, società a cui il comune di Noci ha aderito nel lontano 2014, per intenderci nel periodo dell’anatra zoppa. A tenere banco durante la discussione i dubbi di Liuzzi e Morea circa la necessità di mantenere in vita la convenzione, in considerazione della vasta area geografica servita della società con sede ad Altamura e dell’incremento dei costi. La stessa minoranza ha proposto di valutare la creazione di uno Sportello Unico locale che serva solo l’area del sud-est e di conseguenza i comuni strettamente limitrofi a quello di Noci.

Secca la risposta della maggioranza, espressa dal sindaco Nisi, dall’assessore Natale Conforti e dal consigliere Mezzapesa, secondo cui una simile analisi sarebbe stata già realizzata in passato e cestinata a causa dei costi (monetari e tecnici) richiesti per realizzarla, tra cui un budget di almeno 120 mila euro, una piattaforma informatica adatta e figure professionali qualificate che la curino. A ciò si aggiungono il responso positivo delle attività produttive e degli utenti circa l’efficienza del SUAP, la futura adesione del comune di Putignano, a testimonianza dell’utilità percepita dai comuni che non lo utilizzano, e le difficoltà incontrate dai paesi che abbiano in passato deciso di terminare il vincolo, causate dall’inadeguatezza delle piattaforme alternative. Il rinnovo è stato infine approvato con nove voti favorevoli e sei astenuti.

Info notizia

Altre di politica

21 gennaio 2020

Gli Stati Generali indicano Rapanà candidato alla presidenza della Regione Puglia

18 gennaio 2020

Rapanà presenta la candidatura alle Regionali 2020

17 gennaio 2020

Liuzzi si dimette da consigliere: “Favorire il ricambio generazionale”

Commenta questa notizia