public/

In cinquanta per l’Italia: “Rispettiamo le regole, domani è già qui”

Ha ormai superato le 10.500 visualizzazioni, in poche ore, il video “Nocesi uniti per l’Italia”, realizzato da cinquanta concittadini che, dovendo restare nelle proprie case per limitare la diffusione del Covid-19, hanno pensato di condividere una iniziativa sui social, richiamando tutti al senso di responsabilità e al rispetto delle regole.

Un video realizzato sulle note della canzone “Domani”, cantata nell’aprile del 2009 dagli “Artisti Uniti per l’Abruzzo” per ridare speranza alle decine di migliaia di sfollati colpiti dal terremoto. Una speranza di cui si avverte il bisogno ora più che mai, nell’attesa che questa “brutta” pandemia passi. E a unire questi nocesi, anche se a distanza, è stato il 28enne Vittorio Matarrese che, raggiunto telefonicamente, ha rilasciato alcune dichiarazioni al NOCI gazzettino.

“E’ una delle canzoni che mi è rimasta nel cuore e ho pensato di condividerla con gli amici realizzando questo video che aveva come unico obiettivo quello di strappare un sorriso a tutti, richiamando al senso della responsabilità e del rispetto delle regole. Stiamo attraversando tutti un brutto momento, però, è giusto restare a casa. Sinceramente non ci aspettavamo questo caloroso abbraccio da parte della comunità nocese – ha affermato Matarrese che concludendo - Inizialmente, volevamo far girare il video solo tra di noi, però, ci siam detti perché non condividerlo con tutti per regale qualche minuto di felicità e spensieratezza? E così è stato. Colgo l’occasione per ringraziare tutti, ricordando che anche restando a casa possiamo stare sempre vicini, proprio come abbiamo fatto noi tra amici e divertirsi al tempo stesso. Se rispettiamo le regole domani è già qui!”.

Info notizia

Altre di comunità

02 aprile 2020

2 aprile, Giornata Mondiale dell'Autismo. Il contributo di ZOE Aps

02 aprile 2020

Nuovi orari per l'Ufficio Postale di Noci

01 aprile 2020

Raggiunto da un colpo di fucile ad aria compressa, gara di solidarietà per salvare Peppe

Commenta questa notizia