public/

Covid-19, Nisi: "Ordinanza per la chiusura di attività commerciali e Piazze dopo le 19:00"

I casi attualmente positivi a Noci sono 39 (tra cui i 7 ospiti della casa di cura di Alberobello) e 24 le persone in isolamento fiduciario in quanto contatti stretti dei contagiati. Questa la fotografia inviata dalla Prefettura al Sindaco di Noci e ufficializzati da Nisi durante la diretta Facebook di stasera, 18 novembre, che ha visto collegati sul social network oltre 1.200 nocesi. Ancora una volta il Sindaco ha ribadito che, in realtà, i numeri sono certamente più alti secondo le informazioni fornite dalla rete dei medici di base e dei pediatri: "Da inizio di novembre abbiamo registrato più di 100 persone in isolamento, ha sottolineato. Inutile negarlo: noi non siamo fuori da quella che è la situazione del contagio della nostra area metropolitana. Ho la consapevolezza che c’è ben altro rispetto ai numeri ufficiali: nelle ultime 24 ore c’è, infatti, chi si chi si è sottoposto al tampone rapido o test sierologico e manifestato la positività".

Così come anticipato anche dal nostro giornale online questa mattina, il Sindaco ha ufficializzato, inoltre, di aver firmato una Ordinanza che prevede l’orario di chiusura delle attività commerciali, alimentari e non alimentari, alle ore 19:00 con effetto a partire da domani. "Tentiamo di darci delle norme più stringenti per limitare al minimo i nostri spostamenti: alle 19:00 si chiude, dopo è consentita solo consegna a domicilio - ha detto Nisi, aggiungendo che la regola è estesa anche agli ipermercati. Tutte le attività commerciali potranno, quindi, operare dal lunedì al sabato dalle ore 5:00 alle 19:00. La domenica tutti chiusi. Inoltre, data la situazione di criticità rilevata in alcune aree del paese, dalle ore 19:00 sono interdetti i seguenti spazi pubblici: Villa Comunale, Piazza Garibaldi, Anfiteatro MURA e spazio antistante al Calvario. Il Sindaco non ha perso occasione per chiedere a tutti massima collaborazione, evitando di sostare davanti ai bar, di creare piccoli gruppetti e tenere la mascherina abbassata sotto il mento. Monito anche per i proprietari di locali privati concessi a comitive di giovani che vanno assolutamente chiusi, con l’invito per tutti di limitare al minimo ogni spostamento.

Una ulteriore anticipazione, infine, è stata fornita circa la possibilità di effettuare a Noci i tamponi veloci su indicazione dei medici di base e pediatri. "Per operare in modo veloce sul tracciamento e trasferire il dato al Dipartimento per le ulteriori fasi di analisi, sotto indicazione dei medici e pediatri sarà possibile effettuare i tamponi veloci, in modalità drive in; tra domani e dopodomani fornirò i dettagli organizzativi" ha dichiarato Nisi. Nessuna corsa al tampone libero per tutti, ovviamente, ma la concreta possibilità di fare con immediatezza il test veloce, se ritenuto necessario dal medico curante. Le nuove disposizioni saranno in vigore da domani, 19 novembre, fino al prossimo 3 dicembre, salvo successive modifiche o integrazioni necessarie.

_________________________

La nuova Ordinanza prevede, sul territorio comunale, con effetto immediato e sino al 3 dicembre compreso:

• nei giorni feriali orario prolungato per le attività di vendita al dettaglio alimentari e non alimentari nonché per gli esercizi artigianali di servizi alla persona, con sospensione obbligatoria dalle ore 19:00 alle ore 05:00 del giorno successivo delle attività di vendita diretta al pubblico ovvero di prestazione di servizi al pubblico (fatta salva la possibilità di consegna a domicilio);

• nei giorni festivi la chiusura delle attività di vendita al dettaglio alimentari e non alimentari nonché degli esercizi artigianali di servizi alla persona;

• il divieto d’accesso al pubblico sull’intera area della Villa comunale, Anfiteatro MU.RA. e lo stazionamento in Piazza Garibaldi e zone limitrofe, Zona Calvario e aree adiacenti, a partire dalle ore 19:00 sino alle ore 05:00 del giorno successivo.

Sono escluse da queste disposizioni le Farmacie e le Parafarmacie, le rivendite di articoli sanitari e le edicole. Gli esercizi commerciali di ristorazione e somministrazione di alimenti e bevande (bar, pub, ristoranti, pizzerie, gelaterie, focaccerie, pasticcerie e assimilati) restano aperti nel rispetto delle prescrizioni sanitarie di cui al vigente DPCM del 3 novembre 2020. I trasgressori sono passibili di sanzione amministrativa per una somma che va da euro 400,00 a euro 3.000,00.

Info notizia

Altre di comunità

04 dicembre 2020

Dopo il nuovo DPCM, Nisi apre le attività commerciali anche la domenica

04 dicembre 2020

Rotaract: Cultura della sicurezza stradale. Online il 5 dicembre

04 dicembre 2020

P.r.e.s.s. e il sostegno alla raccolta solidale

Commenta questa notizia